17/04/2024
Breaking News

Classifica ICCA 2022: l'Italia è nella top three

gruppo di persone
Condividi su

L’Italia fa un poderoso balzo in avanti e si piazza tra i primi 3 posti al mondo per numero di congressi ospitati.

Firenze 23 Maggio: L’Italia sul podio delle classifiche mondiali si aggiudica il 3° posto.

In versione completa rispetto agli ultimi due anni, l’International Congress and Convention Association-Icca torna a pubblicare il consueto report statistico annuale che rileva le performance di nazioni e città nel mercato dei congressi promossi dalle associazioni.

Un dato che fa ben sperare e che emerge da una classifica annuale da sempre fortemente indicativa dell’andamento del settore MICE a livello internazionale.

Ottime le performance dell’Europa per numero di meeting internazionali promossi dalle associazioni: nella Top 20 Destination Performance Index di ICCA, il 70% dei paesi e l’80% delle città sono destinazioni europee, seguono i Paesi asiatici e i Paesi nordamericani mentre l’Oceania, rappresentata dall’Australia, si classifica al 24# posto.

Raffrontando i dati del 2022 con quelli del 2019 appare evidente quanto l’Italia, più di altre destinazioni, abbia saputo affrontare la crisi di settore conseguente alla pandemia in una maniera efficace e proattiva, registrando una grandissima ripresa e superiore ad altre nazioni, ivi inclusi gli Stati Uniti, leader mondiali nel settore MICE.

Un’ incredibile risultato che è dimostrazione della vivacità del MICE Made in Italy e del grande lavoro che tutti gli operatori stanno svolgendo al fine di assicurare una ripresa quanto più forte possibile e di cui andare orgogliosi. 

E se da un lato, assistiamo alla generale maturazione della Meeting Industry italiana con Convention bureau locali sempre più performanti, efficienti e strutturati dall’altro, un merito va ulteriore va riconosciuto al nuovo progetto di Convention Bureau Italia ed ENIT, Italian Knowledge Leaders che, avviato solo alcuni anni fa sotto forma di progetto di Lead Generation si è ulteriormente sviluppato, fornendo alle destinazioni strumenti sempre più solidi per attrarre a se congressi internazionali  e assurgendo a consolidato network di assistenza, collaborazione e sinergia peraltro già attivo in maniera capillare su tutto il territorio italiano.

Di grande rilievo sono le performance di tutte le nostre grandi città, che sono invariabilmente salite di posizione dal 2019.  Al 14esimo posto troviamo Roma (18esima nel 2019), Milano al 18esimo posto (32esima nel 2019), Bologna al 35esimo posto rispetto al 110 del 2019 e Firenze che si aggiudica un 60esimo posto, quando era invece 88esima nel 2019. 

Queste cifre illustrano perfettamente l’importanza dell’Italia per l’industria MICE a livello globale, e l’attrattiva del nostro territorio, apprezzato non solo per le sue bellezze storiche, culturali e naturali, ma anche per le numerose e forti strutture che hanno la  capacità di ospitare in maniera efficiente, produttiva, elegante, e con standard elevatissimi, un ingente numero di visitatori congressuali che scelgono il BelPaese per conferenze e congressi. 

Con nostro grande orgoglio dunque, l’Italia si dimostra ancora una volta una destinazione ideale per soddisfare tutti i tipi di bisogni del mondo MICE: sempre pronta a migliorarsi, a crescere e ad affrontare le sfide future di un settore in continua evoluzione.

Leggi anche